Video in primo piano

Meditazione sui Colori

 

Cesare Peri ci parla dei contenuti del suo libro Meditazione sui Colori (Anima Edizioni)

Libro-Colori-Peri

 

I colori sono decodificati dal nostro cervello, il che significa che in pratica li creiamo al nostro interno.

I colori costituiscono il linguaggio emozionale dell’inconscio. Essi possono incidere su di noi e produrre degli effetti sulla nostra salute.

Nel nostro inconscio i colori si associano non solo a stati d’animo ma anche a dimensioni di coscienza.

La meditazione cromatica ci fa vivere i colori attraverso degli esercizi mediante visualizzazione, respirazione, movimenti dolci.

Il prana può essere guidato dal pensiero all’interno del corpo. Visualizzando e respirando il colore, si può fare esperienza del movimento delle energie.

Rosso, giallo e blu sono colori primari, non conseguenti al mescolamento di altri colori. Corrispondono anche alle tre componenti principali dell’essere umano. I colori che ne derivano, verde, arancio e viola, sono i secondari.

Colori complementari sono quelli che messi vicini si rafforzano e evidenziano l’un l’altro.

Sappiamo che ogni chakra è associato a un colore, e allo stesso modo ha un rapporto privilegiato con altri chakra in base alla complementarietà del colore associato.

Sotto il rosso ci sono gli infrarossi che non vediamo. Il rosso è il primo colore della manifestazione. Colore del sangue. primo chakra. Materia.

Giallo, terzo chakra. Colore dell’intelletto. Luce del sole. Parte sinistra del cervello. È la dimensione dell’io, della personalità. La mente.

Il blu, quinto chakra. Colore del cielo e dell’oceano. Colore dello spirito.

Ecco dunque corpo, mente e spirito rappresentati dai colori primari rosso, giallo e blu.

Per i colori secondari abbiamo:

Istinto-rosso e mente-giallo producono l’unione dell’io con gli istinti, ossia eros-arancio: attrazione, innamoramento, relazione con l’altro.

Mente-giallo con spirito-blu produce il verde: colore associato al chakra del cuore. Il verde è il passaggio tra una dimensione pensante e una spirituale.

Istinti-rosso e blu-spirito producono il viola: il colore della trascendenza.

Per i complementari:

Il rosso è complementare al verde. In effetti, si può avere un amore senza un corpo? O un amore senza il cuore?

Eros-arancio e spirito-blu sono complementari: in effetti eros non è contrapposto alla dimensione spirituale, ma l’energia vitale si sublima nello spirito.

Giallo-mente-io e viola-trascendenza sono complementari: l’io non può esistere senza l’assoluto.

Infine, il sesto chakra è associato al colore indaco, ottenibile dal blu e dal viola. Ricorda il colore della “notte oscura”. Significa che per arrivare all’Assoluto devo fare un ulteriore salto di qualità, dove devo “sciogliere” la mia struttura dell’io, la “fede cieca”.

 

 


Enjoy the News

Jasper: Il più grande impianto fotovoltaico dell’Africa

Il Sud Africa punta sulle energie rinnovabili e ha costruito il più grande impianto fotovoltaico africano.   Jasper è il più grande impianto fotovoltaico africano;...

Cos’è la guarigione?

Cos’è la guarigione? Come far sì che accada? Non esiste una sola medicina, ma ci sono più saperi e prospettive, che insieme possono condurre alla guarigione… Erica F. Proli ce ne parla nel suo nuovo libro Anatomia della Guarigione

 

 



  • Tutti gli autori
  • Articoli e Video
  • Categorie
  • Sezioni


Angeli

Ra’aha’el

Dal 1 al 6 Marzo

resh-aleph-he Io mi dirigo verso le potenzialità dello spirito Dal 1° al 6 marzo Ra’aha, in ebraico moderno, significa «vedere»; in geroglifico è letteralmente «volgersi verso ciò che non appare»,...
Seleziona un Angelo
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE